Divano angolare: ecco ottimi consigli per inserirlo al meglio in soggiorno

divano angolare

Avete da poco acquistato un divano angolare, ma non avete la minima idea di come posizionarlo in salotto per farlo rendere al meglio? Ecco, quindi, alcuni utili accorgimenti che vi permetteranno di collocarlo senza troppi problemi, ma soprattutto senza fare alcun tipo di errore.

Il divano ad angolo è certamente uno dei modelli maggiormente diffusi, nello specifico nel corso di questi ultimi anni. Ha il grande pregio di far diventare l’ambiente living moderno e attraente, ma soprattutto è fondamentale per donare quel tocco di serenità e relax in più, che serve sempre in una zona del genere.

Divano angolare, eleganza e funzionalità

Uno dei vantaggi di puntare sul divano ad angolo è quello di essere un modello particolarmente pratico. Infatti, ha il pregio di mettere a disposizione un elevato numero di sedute all’interno di uno spazio davvero molto piccolo: una soluzione decisamente più vantaggiosa in confronto a due divani separati che vengono collocati uno vicino all’altro.

Una delle migliori soluzioni per il tuo divano angolare è quella di collocarlo proprio attaccato a una delle pareti dell’ambiente living. Una scelta ottimale in virtù del fatto che permette di realizzare una zona relax completamente differenziata dal resto degli arredi, potendo sfruttare poi tutto lo spazio che rimane per altri scopi.

I modelli più diffusi

Diamo un’occhiata ad alcuni interessanti modelli di divano angolari che stanno andando per la maggiore in questo periodo. Troviamo sicuramente lo spettacolare modello proposto da Doimo Salotti, denominato Kent, che trae ispirazione dallo stile degli anni Cinquanta. In questo caso, si tratta di un divano imbottito in poliuretano e piuma, che può contare uno stile davvero molto elegante e che ha il suo punto di forza nella presenza di un gran numero di dettagli.

Sempre per eleganza si distingue anche la proposta di Flou denominata Doze. In questo caso, si tratta più che altro di un vero e proprio divano componibile, che si può personalizzare come meglio si crede. La base è formata da delle doghe, mentre l’imbottitura è realizzata con le molle e può contare su un tessuto altamente traspirante, mentre sia lo schienale che la seduta, oltre a essere sfoderabili, sono anche trapuntati.

Un altro modello molto interessante dal punto di vista estetico è quello di Calligaris, denominato Alameda. In questo caso le imbottiture sono particolarmente ampie: ottima la scelta di puntare su uno schienale che si può regolare, con tanto di meccanismo con delle molle a gas. I cuscini, invece, oltre a essere imbottiti sono creati in poliuretano espanso.

CONDIVIDI