Poltrone: caratteristiche generali

Caratteristiche delle poltrone

Quali sono le loro caratteristiche tecniche delle poltrone? Scopriamole insieme in questa breve guida.

Sono davvero tanti i materiali e le tipologie di elementi che possono caratterizzare le poltrone. Per riuscire a scegliere quella che fa per te, prima dovrai conoscere le caratteristiche tecniche. Andiamo a vedere quali sono.

Poltrone: vari tipi e accessori.

Se si pensa anche soltanto alla struttura base delle poltrone, ci viene in mente che effettivamente c’è ne sono tante tipologie. Ad esempio, una poltrona destinata all’ufficio sarà molto più pratica e comoda con una base girevole, in modo tale da agevolare i movimenti vicino alla scrivania. Una poltrona relax invece, può essere scelta con la base a dondolo. Mentre le classiche poltrone poggiano sui quattro piedi, le poltrone dal design moderno e contemporaneo possono presentare basi molto originali.

Bisogna anche considerare i diversi elementi accessori come i poggiatesta o i poggiapiedi. Questi possono risultare molto utili. In ufficio per esempio, lavorando ore e ore davanti al computer, il supporto di un poggiatesta risulta essere indispensabile.

Inoltre, bisogna tenere presente che le poltrone hanno anche tante altre caratteristiche che possono variare. Infatti, si deve considerare che l’altezza dello schienale può differire da modello a modello, così come pure la comodità nella seduta. In alcune poltrone si può addirittura regolare l’altezza della seduta.

Materiali delle poltrone: rivestimento, struttura e imbottitura

I materiali con cui sono fatti i rivestimenti e le strutture delle poltrone sono davvero tanti. I rivestimenti possono essere fatti sia di materiali più classici come la pelle o il tessuto (in tanti tessuti diversi, colori e con svariate fantasie), oppure fatti di materiale come il legno, l’ecopelle, il vimini, materiali sintetici e plastici. Ovviamente i materiali possono essere più o meno pregiati.

Anche la struttura può essere fatta con materiali di varia natura: legno, truciolato o metallo. Poi, in base al modello, la stessa può essere unita o meno agli altri materiali.

L’imbottitura può presentare diversi materiali: gommapiuma, piume d’oca, poliuretano e lattice.

È meglio sfoderabile o no?

Vi è da considerare che una poltrona può anche avere il tessuto sfoderabile. In questo caso si avrà una comodità in più, infatti potrà essere lavata più facilmente evitando che rimangano macchie. Certamente questa caratteristica è un valore aggiunto per qualsiasi modello, in quanto garantisce una maggiore possibilità di lavaggio e quindi di igiene.

CONDIVIDI