Divano Chesterfield, ecco caratteristiche e come viene costruito

divano chesterfield

Nel momento in cui si parla del divano Chesterfield, si fa riferimento ad un modello davvero molto apprezzato nel settore dell’arredamento. Il motivo è piuttosto facile da intuire, dal momento che si caratterizza per essere realizzato con un fascino del tutto irripetibile, che ricorda un po’ i mitici divani del passato.

Un fascino che non ha eguali

Ancora oggi, il divano Chesterfield presenta un fascino unico ed è questo il motivo per cui diverse aziende lo producono ancora sfruttando delle tecniche artigianali che si tramandano di generazione in generale. Veri e propri pezzi rari di artigianato che acquistano un valore molto più che di un singolo arredo, ma quasi di un componente della “famiglia”.

Il fatto di definire qualsiasi elemento come artigianale ha avuto la tendenza di svilire un po’ il significato di questa parola. Sembra, però, che nel corso degli ultimi anni le cose stiano davvero cambiando, soprattutto per merito dell’impegno di varie aziende artigianali che hanno lavorato a fondo per poter riportare in luce il vero significato di tale termine.

Tra le varie aziende che producono i divani Chesterfield troviamo sicuramente la VAMA Divani, il cui slogan principale è quello di “Cuore Artigiano”. L’obiettivo è quello di far capire quanto possa essere importante riscoprire il vero e proprio significato di artigianato e, nel fare ciò, ha puntato tantissimo su un divano Chesterfield.

Uno tra i modelli più apprezzati

Si tratta di uno tra i modelli maggiormente diffusi e apprezzati di divani imbottiti. Ancora oggi non si può che definirlo attuale, visto che è ancora presente in commercio. Tra le principali caratteristiche di questo divano troviamo certamente il fatto di avere sia lo schienale che i braccioli impreziositi da una particolare lavorazione denominata capitonné, che prevede la creazione, seguendo alcune regole specifiche, delle tipiche pieghe che caratterizzano il rivestimento.

È bello ammirare come direttamente dal legno grezzo emerga tutta l’ossatura del divano. Al suo interno, poi, si provvede all’ancoraggio delle molle di acciaio, che vengono legate a mano, esattamente come si faceva una volta. Il passo successivo è quello di provvedere all’imbottitura sia dello schienale che dei braccioli.

L’ultimo passo è quello di curare la copertura in capitonné, creata con una particolare tipologia di pelle che viene definita asportabile. L’ultimo passo è quello di praticare uno specifico processo di invecchiamento alla pelle asportabile, realizzato in tutto e per tutto a mano. E sono proprio questi dettagli a fare la differenza e a rendere questo modello vintage uno dei più amati del settore.

CONDIVIDI