Copridivano: così il divano cambia completamente aspetto

copridivano sofà

Cosa fa la differenza in una zona living? Spesso e volentieri il divano, visto che permette di creare una vera e propria isola di relax in cui potersi tuffare per visionare un film oppure una serie tv in compagnia di parenti oppure di amici.

Insomma, un’area in cui poter trovare il più alto livello possibile di comfort. Non a caso, i divani che vengono realizzati più di recente, vengono realizzati appositamente per rappresentare al tempo stesso anche dei veri e propri oggetti di design. Questi ultimi sono in grado di trasmettere anche un senso stilistico di prim’ordine: non sono unicamente comode e pratiche, ma anche decisamente interessanti da ammirare.

Spesso e volentieri, però, si rende necessaria una soluzione per aumentare ancora di più la cifra stilistica di tale oggetto di arredamento. In che modo? Sfruttando un copridivano. Il motivo principale per cui si può optare per un simile oggetto è quello di garantire la massima protezione al sofà rispetto a possibili macchie, così come all’usura del tempo.

Non solo, dato che il copridivano può tornare decisamente utile anche per dare un rinnovato tocco stilistico alla propria area giorno. Il tipo di copridivano maggiormente richiesto e diffuso in commercio è sicuramente quello elasticizzato. Tra le sue principali caratteristiche, troviamo il fatto di essere formato da fibre che regalano una sensazione tipica di morbidezza, ma anche di notevole versatilità. Ecco spiegato il motivo per cui un copridivano elasticizzato è in grado di adeguare a ogni tipologia di forma di sofà.

Non bisogna dimenticare come un altro punto di forza dei copridivani elasticizzati sia quello di poter essere applicato e poi rimosso con grande facilità, per poi essere lavato senza alcun problema direttamente in lavatrice.

Una delle più importanti e apprezzate alternative è rappresentata dal copridivano anti-macchia. Si tratta di un modello che viene realizzato tipicamente in microfibra, cotone oppure poliestere. Successivamente, è oggetto di una specifica lavorazione che prevede un trattamento a base di prodotti idro-oleorepellenti, che lo proteggono rispetto allo sporco. È sufficiente, in questi casi, utilizzare un panno da far passare direttamente sulla macchia per poter vedere il proprio copridivano tornare a splendere.

Spostando l’attenzione su colori e fantasie, è abbastanza facile notare come ci sia solamente l’imbarazzo della scelta. Ci sono dei modelli di copridivano a tinta unita: in questo caso, vanno di moda le versioni in grigio, in total white oppure in tortora. Altrimenti, per tutti coloro che amano osare un pochino di più, si può puntare su tonalità più accese e arricchite con varie fantasie.

CONDIVIDI