Divano, meglio scegliere quello fisso o puntare su quello componibile?

divano componibile

Nel momento in cui si deve scegliere un nuovo divano, spesso e volentieri c’è tanta indecisione, soprattutto sul modello. Meglio puntare su uno fisso oppure optare per uno componibile? È un criterio, in effetti, che può dar luogo a tanta incertezza, anche se è vero c’è un criterio che deve essere preso come fonte di ispirazione per la scelta, ovvero la superficie disponibile.

Divano, la soluzione migliore è basata sulle proprie esigenze

Chiaro che poi ci siano anche altri aspetti da prendere in considerazione. Ad esempio, se si ha intenzione di prendere un divano dove favorire la conversazione, ecco che allora scegliere due divani da posizionare uno di fronte all’altro, la soluzione classica insomma, è senz’altro l’opzione più azzeccata.

Avete poco spazio?

Nel momento in cui, invece, si dispone di uno spazio ridotto, allora il miglior consiglio da seguire è quello di scegliere due divani compatti a due posti, in una variante fissa. Il vantaggio è quello di puntare su due modelli che abbiano una buona estetica, ma con dimensioni comunque limitate e un design piuttosto innovativo. Spesso e volentieri, si può scegliere anche di inserire una o più poltroncine.

Cosa fare quando avete tanto spazio

Quando, al contrario, lo spazio c’è e anche in abbondanza, allora la soluzione del divano componibile è la migliore. In poche parole, si possono assemblare dei moduli secondo i propri gusti ed esigenze, cercando ovviamente di fare di necessità virtù e sfruttare tutto lo spazio a disposizione, senza sprecare neanche un centimetro.

Un’isola di relax

Nel momento in cui la zona libera è soprattutto in mezzo, ecco che un’isola di relax può essere un’ottima scelta, magari inserendo degli elementi da sfruttare su entrambi i lati. Un’altra ottima soluzione per tutti coloro che hanno spesso a casa diversi ospiti. Al tempo stesso, può essere un’idea molto efficace quando tante persone si siedono per guardare la tv insieme.

Yard di Lema

Un ottimo esempio di divano multifunzione è certamente rappresentato da Yard, disegnato da Francesco Rota per Lema. Si tratta, come detto, di un divano in grado di svolgere più funzioni, senza dimenticare come possa essere integrato usando mensole, vari contenitori e molto altro ancora.

New York di Saba Italia

Il divano ribattezzato New York, di Saba Italia, invece, presenta una struttura molto differente, realizzata in legno massello con un rivestimento a base di poliuretano espanso a quote differenziate. L’imbottitura è trapuntata, mentre il rivestimento ha il vantaggio di poter essere rimosso e lavato con grande facilità.

CONDIVIDI